Ricorso

Qualora l’Inps non paghi l’assegno, il lavoratore può presentare entro 120 giorni dalla data di notifica della decisione al Comitato Speciale degli assegni familiari. 

Contro la posizione assunta da tale Comitato si può nuovamente ricorrere entro 30 giorni al Ministero del Lavoro e della previdenza sociale. 

Esaurita la prassi del ricorso amministrativo, si potrà adire l’Autorità giudiziaria nel limite di 30 giorni dalla data di ricezione della raccomandata ministeriale contenente la decisione avversa. 

Comments